Evento Genius loci, in Santa Croce un ciclo di visite speciali a tema Basilica di Santa Croce

Genius loci, in Santa Croce un ciclo di visite speciali a tema

Arte, Apertura straordinaria, Museo
Piazza Santa Croce, 16 Firenze
Basilica di Santa Croce

Scaduto

Santa Croce è un armonioso luogo di luoghi. Il suo genius loci si rivela anche in questo suo essere formidabile crocevia di incontro di storie e personaggi, ciascuno con il proprio spazio e percorso che si integra nell’insieme. Il ciclo di visite speciali a tema, che ha preso il via con la seconda edizione di Genius loci, nasce proprio da questo presupposto. Gli appuntamenti proseguono per due week end: il 6 e il 7 e il 13 e 14 ottobre.

La voce di Santa Croce, lo spazio della musica. È il tema del percorso proposto per sabato 6 ottobre, alle ore 10. Le storie e i personaggi anchein questo caso si intrecciano: si va da Giovanni Maria Bardi, promotore di quella Camerata che porta il suo nome e che sviluppò le premesse per la nascita del melodramma, fino a Gioacchino Rossini e a Luigi Cherubini, che in Santa Croce ha il monumento funebre ed è invece sepolto a Parigi. Per il rientro delle sue spoglie, è cronaca recente, si è mobilitato con grande impegno il maestro Riccardo Muti e con lui diverse istituzioni, compresa l’Opera di Santa Croce.

Appunti di viaggio: dai pellegrini alla Sindrome di Stendhal. È questo il singolare percorso che viene proposto per domenica 7 ottobre, alle 14,15. A guidare nella visita sono i racconti e le suggestioni di grandi viaggiatori, letterati e scienziati, accuratamente riportati nei loro appunti e nei taccuini: da Chaucer a Byron, da Freud a Leopardi, da Rilke a Stendhal e Twain. “Ero giunto a quel livello di emozione, dove si incontrano le sensazioni celestiali date dalle arti e i sentimenti appassionati. Uscendo da Santa Croce, ebbi un tuffo al cuore, la vita per me si era inaridita, camminavo temendo di cadere”. Così Stendhal descrive, durante il viaggio in Italia del 1817, la sua speciale condizione psicologica, quella che sarebbe diventata la nota sindrome.

Incanto e colori della cappella maggiore, è il tema della visita di sabato 13 ottobre (ore 10). È prevista una visita speciale alla Cappella Maggiore e al ciclo di affreschi di Agnolo Gaddi: una visione unica e ravvicinata dell’enorme spazio illustrato da 800 metri quadrati di affreschi.

Per domenica 14 settembre l’appuntamento è con il passato e il presente nei restauri di Santa Croce (inizio ore 14.15 ). La visita permette di osservare l’evoluzione delle tecniche di restauro nel corso dei secoli. Santa Croce raccoglie e custodisce infatti esempi di interventi che vanno dal Quattrocento alla fase neo-medievale dell’Ottocento, dalla devastante alluvione del 1966 con il recupero di Cimabue negli anni Settanta fino a quello dell’Ultima cena di Vasari, ricollocata nel 2016 dopo un esemplare intervento di restauro da parte dell’Opificio delle pietre dure. 

Prezzo: € 5

Tutte le visite hanno la durata di 60 minuti, per un massimo di 25 partecipanti. La quota individuale di partecipazione è di 5 euro. Per informazioni e prenotazioni: booking@santacroceopera.it – tel. 055 2466105.




Gli eventi non sono organizzati da GoGoFirenze ma sono comunicati alla redazione o recuperati da fonti pubbliche attendibili. GoGoFirenze non è responsabile della correttezza delle informazioni né fornisce informazioni o prenotazioni, se non diversamente specificato.

Basilica di Santa Croce
Indirizzo: Piazza Santa Croce, 16, Firenze 50122

Telefono: 055 2466105

Fax: 055 2008789

Sito web: http://www.santacroceopera.it/

Open dialog

Powered by Aperion.it