Firenze: città pioniera nel mercato dell’auto

Firenze: città pioniera nel mercato dell’auto

Nel novembre 2018 le immatricolazioni di auto elettriche sono cresciute a un ritmo senza precedenti, ma tra le varie regioni e città italiane sono la Toscana e Firenze a far segnare le maggiori percentuali di crescita. In una città come il capoluogo toscano che come altre città italiane di quando in quando soffre a causa dello smog, questa è davvero una buona notizia.

La qualità dell’aria che si respira in città è una tematica scottante e non di secondaria importanza. Le emissioni medie ponderate di CO2 in Italia sono cresciute del 3,9% raggiungendo i 117,0 g/km, un dato allarmante che rende la notizia della crescita del comparto elettrico a Firenze e in Toscana ancora più gradita.

Nella speciale classifica delle vendite di auto elettriche, Firenze si colloca al terzo posto facendo registrare un incremento del +5,6%. Buona notizia per arginare il problema è anche la conferma degli ecobonus da parte del governo che prevedono un incentivo da 6000 euro per l’acquisto di auto elettriche. In questo modo si cerca di dare nuova linfa vitale alla stagnazione del mercato auto in Italia.

Se calano le vendite, cresce il mercato autoricambi

Il generale calo delle vendite di automobili in Italia non ha potuto che combaciare con un incremento importante nei numeri del settore autoricambi. Come confermato da fonti autorevoli come il sito www.MotorDoctor.it specializzato proprio nel campo dei ricambi auto sono sempre di più le richieste di riparazioni e pezzi di ricambio per le auto.

Con i noti problemi economici che affliggono il bel Paese, sempre più automobilisti non sono disposti a spendere cifre per cambiare i vecchi autoveicoli che possiedono, si preferisce invece procedere a riparazioni di ogni genere per rendere ancora funzionali le automobili. In tanti cercano anche un altro tipo di soluzione, ovvero l’acquisto di auto usata. La cosa in effetti sembra offrire diversi vantaggi:

  • Un’auto poco usata può essere ancora sotto garanzia
  • Il prezzo di acquisto è molto più basso rispetto all’auto nuova e la svalutazione è molto più lenta. Il grosso del deprezzamento avviene prima.
  • Chi acquista auto usate dichiara di potersi preoccupare molto meno di graffi e ammaccature.
  • L’auto usata può essere “garantita” dal rivenditore ed essere quasi come nuova e offre programmi di assistenza a lungo termine.
  • I pezzi di ricambio dell’auto possono essere acquistati a buon mercato anche online

L’alternativa all’usato: l’elettrico

Nelle maggiori città italiane come Firenze sembra che i consumatori abbiano ormai capito che con le nuove norme sulle auto inquinanti se proprio si rende necessario acquistare un veicolo nuovo, meglio prenderne uno elettrico . La stretta sul diesel sembra non lasciare scampo a chi possiede un veicolo di quel tipo, destinato a diventare sempre più costoso e non trovare punti di accesso.

La città di Firenze sta puntando molto sulla mobilità sostenibile con iniziative mirate: basti pensare che l’accesso al centro per le consegne potrebbe presto essere consentito soltanto a mezzi elettrici. Si va proprio in una direzione di totale cambiamento delle abitudini per gli automobilisti e per il mercato, destinato ad affacciarsi sempre più sul lato dell’innovazione.

Tutto questo spiega perché il comparto dell’elettrico secondo gli analisti potrebbe crescere a un ritmo forsennato nei prossimi anni. Si parla ormai di vera e propria rivoluzione con percentuali di crescita esponenziali già a partire dal 2020 . Al piccolo consumatore non resta ormai che adeguarsi alla novità e magari godersi il risparmio dei nuovi veicoli elettrici per quanto riguarda alcuni costi e consumi.   

Open dialog

Powered by Aperion.it